Il Progetto Lauree Scientifiche: Fisica

Orientamento e formazione degli insegnanti per l’area fisica

Classi di Laurea interessate dal Progetto Nazionale: Classe 30 (ex classe 25) – Scienze e Tecnologie Fisiche

Università capofila

Università degli Studi di Catania

Coordinatore del Progetto Nazionale

Professoressa Immé Giuseppina
Università degli Studi di Catania
Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
Dipartimento di Fisica e Astronomia

Settore Scientifico Disciplinare: FIS/01

Riferimenti

Telefono: 095.3785355
Fax: 095.3785321
E-mail: imme@ct.infn.it

Indirizzo postale:
Università degli Studi di Catania
Dipartimento di Fisica e Astronomia
Via S. Sofia, 64
95123 Catania

Descrizione sintetica del Progetto Nazionale

Il progetto vuole individuare, attraverso l’integrazione di competenze ed esperienze provenienti dal mondo della scuola e dal mondo universitario, possibili strategie da mettere in atto al fine di arginare la preoccupante crisi delle “vocazioni scientifiche”, in particolare in Fisica, e sviluppare metodologie nuove per una didattica più attrattiva e di orientamento verso opportune scelte universitarie. Il progetto, attraverso il coordinamento nazionale di azioni locali, vuole, in maniera più diffusa:

  • sottolineare quanto l’insegnamento della fisica sia innanzitutto guida all’apprendimento, per diretta esperienza, del metodo scientifico;
  • raccomandare che il processo educativo avvenga nei laboratori affinché sia radicata la percezione di uno studio della realtà che parte dalla osservazione della stessa e che prosegue con l’elaborazione dei dati acquisiti;
  • che si promuova una maggiore integrazione con lo studio di altre scienze, affinché sia chiara agli studenti la unitarietà della metodologia scientifica;
  • che vengano stimolate nella pratica didattica le connessioni con altre discipline, come storia e filosofia, che sottolineano la profonda valenza culturale della fisica, evidenziando quanto le teorie, ed il loro dialettico succedersi, costituiscono quel pensiero scientifico che fa parte integrante della storia del pensiero e della evoluzione culturale dell’umanità.

E’ previsto anche un sottoprogetto più particolarmente mirato alla formazione degli insegnanti di Fisica in servizio: un master, che prevede lezioni sia frontali che per via telematica, e che è realizzato e condiviso da nove unità di ricerca in didattica della fisica.
Il progetto nazionale prevede anche l’attuazione di azioni trasversali di coordinamento e monitoraggio del progetto, per la diffusione di materiale didattico, la diffusione di procedure ed in generale la diffusione, sul territorio nazionale, di azioni di orientamento e promozione nei confronti di studenti ed insegnanti.

Obiettivi del Progetto Nazionale

Il progetto nazionale per l’orientamento pre-universitario e la formazione degli insegnanti nell’area Fisica si pone i seguenti obiettivi:

  • sperimentare nuovi modi di fare orientamento formativo degli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori;
  • sviluppare materiali e strumenti per la comunicazione e la didattica della Fisica;
  • proporre nuove modalità per la formazione ed il perfezionamento degli insegnanti in servizio.

Tali obiettivi possono essere perseguiti attraverso iniziative che si intersecano e si rafforzano a vicenda. In particolare, sia lo sviluppo dei materiali che l’orientamento degli studenti sono utilizzati come strumento per la formazione ed il perfezionamento degli insegnanti della scuola. Per il raggiungimento degli obiettivi  suddetti, il progetto prevede l’attuazione di diverse linee di azione da parte delle Unità Operative locali:

  1. Laboratori di Fisica per studenti ed insegnanti, con l’obiettivo di avvicinare gli studenti agli aspetti sperimentali della Fisica, contribuendo, nello stesso tempo, a formare gli insegnanti di Fisica, in un’azione di coinvolgimento diretto.
  2. Autovalutazione e consolidamento delle competenze fisiche di base, con l’obiettivo di contribuire alla produzione di materiale didattico innovativo e di procedure di valutazione e di autovalutazione dell’apprendimento degli studenti.
  3. Valorizzare i talenti, con l’attivazione di opportune iniziative al fine di fare emergere e valorizzare  studenti particolarmente motivati e brillanti.
  4. Promozione della Fisica, rivolta prevalentemente a studenti ed insegnanti delle scuole, ma estensibile  al cittadino in generale, per una maggiore percezione della fisica e del mestiere del fisico e con  l’obiettivo anche di aggiornare studenti ed insegnanti sulle tematiche attuali di ricerca in Fisica.

Queste azioni si realizzano nell’ambito di diversi sottoprogetti, presentati nei Modelli B dalle Unità Operative, ciascuno dei quali si realizza attraverso la collaborazione di Università, Istituti scolastici, Imprese.
E’ previsto anche un sottoprogetto più particolarmente mirato alla formazione degli insegnanti di Fisica in servizio: un master, che prevede lezioni sia frontali che per via telematica, e che è realizzato e condiviso da nove unità di ricerca in didattica della fisica.

Il progetto, nella sua azione trasversale di coordinamento e nelle azioni locali dei singoli sottoprogetti, si avvarrà delle competenze e delle esperienze maturate nell’ambito delle attività dell’Associazione per  l’Insegnamento della Fisica (AIF).
Il progetto, nelle azioni di coordinamento potrà avvalersi della consulenza della Società Italiana di Fisica (SIF).
Il progetto, nella sua articolazione in sottoprogetti, si avvarrà delle risorse umane e strumentali dei  dipartimenti di Fisica e degli Enti di ricerca in qualunque campo della Fisica (INAF, INFN, CNR-INFM,…).